SEBASTIANO TIRALONGO “LEGAZIONE”

gg1.jpg

La contemporaneità è attraversata dalla contrapposizione di “naturale”e “artificiale”.L’effimero e il provvisorio,esaltati dalla perfezione asettica della tecnologia,ci pongono a confronto con una struttura dell’i,determinata da molteplice tecniche di trasformazione,raffinate ed efficaci.Si tratta,tuttavia,di una costruzione innaturale che ha rinunciatoi al piacere della scoperta,lasciandosi piuttosto sedurre da identità intercambiabili,da combinazioni di sistemi,da frammenti di pensiero schematico e riassuntivo.In questo senso mi sembra che la ricerca di Sebastiano Tiralongo abbia il fulcro nel desiderio di penetrare le forze pervasive dellanatura così da ritrovare la via verso l’originario.Egli “colleziona”elementi energetici legati da sfondi primitivi come il dorato e il bronzo antico,viaggiando per un mondo molto primitivo in forza atavica.

Annunci

SEBASTIANO TIRALONGO “DON CHISCIOTTE”

don-chisciotte.jpg

Le attuali ricerche scientifiche hanno reso possibile verificare in tempo reale,fenomeni naturali che in passato apparivano imprevedibili per il loro aspetto “caotico”.
Nel dare soluzioni agli assurdi matematici e fenomenici è stato intaccato il concetto euclideo di geometria,sostituito da una nuova idea di spazio e di immagine.
L’attenzione ai fenomeni naturali,il continuo scrutatore al microscopio,la passione per l’entomologia e per la malacologia e lo studio dei frattali,hanno contribuito alla formazione e trasformazione strutturale del mio metodo progettuale in campo artistico praticando sistemi produttivi di segni e colori che nel tempo mutano,come ci spiega la natura,dalla riflessione su questi fenomeni,esempio ne è l’evolutivo sviluppo dell’aspetto cromatico dei molluschi che varia a seconda dell’organizzazione e della disposizione delle cellule cromogene,le quali determinano le differenze estetiche nell’ambito della stessa specie.

 

“Tutto può essere un’essenza e,allora!Cos’è l ARTE?”

INTERVISTA AD EDUARDO KAC

LEGGI INTERVISTA


Alba,arte transgenica,arte del vivente

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo volentieri questo appello di Louis Bec, responsabile di AVIGNONumérique
(http://www.avignonumerique.com), una delle manifestazioni più interessanti di Avignone 2000 Città Europea della
Cultura, dedicata alle nuove tecnologie e alle forme artistiche emergenti (tra l’altro Avignone è una delle città
partecipanti al network Cafe9.net, progetto culturale europeo di cui si danno informazioni in un’altra sezione di
Noema). Conosco personalmente Louis Bec, scienziato e importante artista internazionale impegnato
nell’affascinate settore della vita artificiale, cioè nella realizzazione di entità viventi fatte di software e in grado di
nascere, crescere, moltiplicarsi e imparare, che possono esistere solo nei computer.
Dalla fine degli anni ’80 (gli atti del primo storico convegno internazionale, a cura di Charles G. Langton, Artificial
Life, Reading (Mass.), Addison-Wesley, sono del 1989) l’apporto della vita artificiale è stato molto importante dal
punto di vista teorico. Ha messo in discussione l’idea dominante che la vita risieda nella sostanza di ciò che
consideriamo “vivo”, nella costituzione fisica degli organismi, estendendo il concetto stesso di “vita”.SEGUE


REALTA’ VIRTUALE E CONDIVISA

FAI CLIK 

O1.ORG NIKE GROUND

34516.jpg

 

Settembre 2003: un info box hi-tech compare al centro di Karlsplatz, una delle piazze storiche di Vienna. Sulle pareti esterne, la scritta: “Questa piazza verr� presto rinominata Nikeplatz. Entra per saperne di pi�.” Secondo il progetto illustrato all’interno, al centro della piazza verr� eretto un gigantesco monumento: uno Swoosh lungo 36 metri e alto 18, realizzato in una speciale lega in acciaio ricoperta da una resina rossa ottenuta dalle scarpe riciclate. Un sito web, realizzato con una grafica che fa il verso al sito della multinazionale, pubblicizza il progetto online, presentandola come la prima di una serie di operazioni analoghe nelle principali capitali del mondo…segue


SHEMA DI CLASSIFICAZIONE ARTE TRANSEGENICA

bioart.gif