Archivi categoria: Uncategorized

SEBASTIANO TIRALONGO “ATOUT2

L’opera,custodisce e tesaurizza frammenti di una realtà inesauribile:nella mescolanza di ordine e disordine trova la via per far emergere nuove configurazioni.Aulitto fa germinare gli elementi della natura nel colore (che diventa una forza strutturante dell’opera)e nella luce (che trasla nell’opera le vibrazioni cosmiche)

dscn1336.jpg

Raccontando una storia intrisa di languori,di rumori sottili incidendo nel profondo dell’ingonscio collettivo come un oggetto di inestimabile valore e di forte affetto,che ne ricorda le essenze,i ricordi e le energie.Collegare insieme,dare corpo alle memorie,creare un legame tra la materia sottile e la complicità che va ben oltre il testo.

ANTONELLA BUGEA

Annunci

ALEKSANDR MIHALOVIC RODCENKO (LA CORAZZATA POTEMKIN 1925)

rodcenko.jpg

Quella di Rodcenko è una dele numerossissime affiches realizzate nel corso degli anni da autori diversi per lo più il celebre film di tutta la cinematografia sovietica,LA CORAZZATA POTEMKIN di Sergei Eisenstein.La vicenda tratta di un vero fatto storico:l’ammutinamento dei marinari della corazzata,avvenuto nel porto di Odessa nel 1905,in seguito al rifiuto di mangiare la carne avariata.Una rivolta sanguinosamente repressa dall’armata zarista.L’audace inquadratura romboidale mostra in primo piano una coppia di cannoni,puntati minacciosamente in direzione dello spettatore.
L’assoluta mancanza di presenze umane enfatizza il senso di tremenda forza e potenza che si sprigiona dall’incrociatore,che tanto somiglia ad una sorta di mostro di acciaio.L’autore,la cui identità è incerta (non tutti concordano sul nome di Rodcenko ),ha realizzato l’immagine con grande sintesi di mezzi espressivi e cromatici.


MICHELE SPERA

 spera.jpg

Tutti i partiti di sinistra,e tra questi anche quello repubblicano,si schierano contro la protesta di abolizione della legge sul divorzio,sostenuta dal referendum del 12 maggio del 1974.
Michele Spera responsabile dell’attività promozionale del PRI,realizza un manifesto singolare,di natura evocativa e poetica,che esce dal coro dei luoghi comuni tanto degli schieramenti del si quanto di quelli del no.Immagine e scritta evitano posizioni estreme per sollecitare il cittatido ad una pausa di riflessione.


AMNESIA…IBIZA

 Luci, suoni e immagini indescrivibili. Tutto questo è l’Amnesia, la discoteca più grande d’Europa capace di ospitare più di 5000 persone e non a caso è il locale preferito della “Troya Asesina”, la più famosa drag queen dell’isola. Uno dei segreti relativi al successo del locale è sicuramente la qualità del suono. Oggi l’Amnesia possiede uno dei più avanzati sistemi sonori nel mondo. La sua funzione è di analizzare le frequenze in modo da provocare sensazioni simili ad un massaggio che saprà catturarare in delle emozioni uniche. Nel 1999 l’etichetta Amnesia si estende cominciando a produrre la propria linea d’abbigliamento, realizzando periodicamente riviste e compilation. L’amnesia nella sua storia ha ospitato nel proprio club i dj più famosi sulla scena house mondiale (Benny Benassi, Paul Van Dyk, Dj Tiësto, Danny Tenaglia, Laurent Garnier, Carl Cox, Alex Neri, Claudio Coccoluto, Robbie Rivera ecc…) che hanno animato le serate più esclusive fra le quali: La festa della schiuma (espuma party) dove i cannoni posizionati in ogni parte delle piste lanciano schiuma ininterrottamente sotto la quale poter ballare e “Il Made in Italy”, nel corso del quale si alternano in consolle dj del calibro di Layo & Buschwacka, direttamente da London UK, Mar T che nel corso della serata spingerà i bassi a manetta, Ralf e Dj Les Schmitz che con i bassi profondi e suoni artificiali spinti bene al limite manderà i bpm sempre più in là.